Cosa è il GOI

Il G.O.I. ( Grande Oriente d’Italia ) è il più antico Ordine Massonico Regolare Italiano.

Per conoscere l’origine del G.O.I. occorre rifarsi a quella delle varie Logge italiane.

Sembra che il nome “ORIENTE” sia originato primitivamente dalla Loggia Ausonia di Torino.

GRANDE ORIENTE è la denominazione che in Italia assume la GRAN LOGGIA Nazionale , cioè una pluralità di Logge unite in un sistema federativo a carattere nazionale.

Ha giurisdizione esclusiva sul territorio dello stato in cui è insediata , in base al principio di esclusività territoriale, essa sola ( la Gran Loggia = il Grande Oriente ) può autorizzare la fondazione di nuove Logge e controllare il regolare funzionamento di quelle esistenti.

Ogni Gran Loggia possiede organismi di autogoverno ed è presieduta da un Gran Maestro al quale è affidato il potere esecutivo, mentre quello legislativo è esercitato dalla periodica Assemblea Generale di tutte le Logge regolari, attraverso la presenza dei loro Maestri Venerabili o loro delegati.

Il Gran Maestro, inoltre, rappresenta la Gran Loggia nei rapporti con le singole Logge, con il mondo “profano” e con le Grandi Logge di altri Paesi, le quali si riconoscono reciprocamente sulla base della “REGOLARITA’”, ossia della “CONFORMITA’ ALLE CARATTERISTICHE” ( i cosiddetti LANDMARKS ) considerate fondamentali ed irrinunciabili.

La “regolarità di origine” di una Gran Loggia consiste nella sua LEGITTIMA FONDAZIONE da parte di una Gran Loggia debitamente riconosciuta o da parte di 3 o più Logge regolarmente costituite.

Ogni Gran Loggia trae origine direttamente dalla Gran Loggia di Londra, fondata nel 1717, o da un’altra Gran Loggia a sua volta fondata da quella inglese.

Forse per tale motivo la G.L.U. ( Gran Loggia Unita ) d’Inghilterra si è attribuita la denominazione di “Gran Loggia Madre del Mondo”, ma questo appellativo, l’autorità morale che da esso deriva e il ruolo di severo guardiano dell’ortodossia massonica che di fatto questa Gran Loggia seguita a svolgere, non implicano alcun primato di essa , né alcun rapporto di subordinazione nei suoi confronti da parte delle altre Grandi Logge.

Infatti non è mai esistita una organizzazione massonica sopranazionale alla quale sia stata, o venga riconosciuta autorità gerarchica sulle singole Grandi Logge, tutte autonome ed indipendenti.

Nonostante differenze più o meno sensibili tra le diverse Grandi Logge, tutte si conformano più o meno fedelmente ai principi stabiliti dalle “COSTITUZIONI” – scritte da Anderson – approvate nel 1723 dalla Gran Loggia di Londra, antenata prossima della Gran Loggia Unita d’Inghilterra e di tutte quelle attualmente esistenti.

A livello dei tre gradi universalmente praticati, tutte le Gran Logge regolari seguono usi, simboli e rituali approssimativamente sovrapponibili o equivalenti, così da mantenere tratti di identità comune.

Un triplice fraterno abbraccio
Fr.·. Oratore

Testo tratto dal sito ufficiale del G.O.I. : www.grandeoriente.it